Consulenza tecnica d’ufficio nella causa civile inerente i lavori di ripascimento della spiaggia del Poetto in Cagliari

Share

La vicenda dei lavori di ripascimento della spiaggia del Poetto assunsero ribalta nazionale quando, nel marzo del 2002 la draga Antigoon scaricò circa 270 mila mc di sabbie, prelevate al largo del Golfo degli Angeli, sulla famosa “spiaggia dei cagliaritani”.

Il colore della sabbia prelevata dai fondali marini a quota -40, a circa 3 miglia dalla riva, generò immediati dubbi e polemiche che diedero risulta in diversi procedimenti di natura penale, erariale, amministrativa e infine, per questa fattispecie, quello civile

14417

Per la consulenza tecnica d’ufficio il Tribunale di Cagliari nominò una terna di tecnici, un ingegnere, un geologo e il geometra Antonio Gregorini, socio di Gaia srl.

I quesiti posti ai tecnici furono significativamente vasti, profondi e articolati e, sostanzialmente, compresero tutti i molteplici aspetti di natura contrattuale nell’ambito di un lavoro pubblico, estimativo dei lavori, estimativo dei danni sociali e ambientale, con la descrizione del bene nel passato, nel presente e delle più probabili fasi evolutive.

Tutto è leggibile nell’articolazione del quesito posto ai cc.tt.uu. dal magistrato:

I – Quesito formulato dalla S.V.I. con l’ordinanza del 17.11.12 e confermato all’udienza dal 15.12.2012:

a)       descrivere lo stato dei luoghi e del litorale: 1. prima dell’inizio dei lavori per cui è causa; 2. durante l’esecuzione delle opere commesse in appalto; 3. all’atto dell’ultimazione dei lavori; 4. nelle condizioni attuali;

b)      descrivere analiticamente i lavori commessi in appalto e se la loro esecuzione sia stata integrale e sia avvenuta conformemente al progetto e agli atti contrattuali, come anche a disposizioni ritualmente date dalla amministrazione committente, e comunque se sia avvenuta nel rispetto dei canoni, oltre che di prudenza e perizia, di diligenza professionale sopra indicati;

c)      accertare se possano riscontrarsi gli inadempimenti lamentati dalla amministrazione provinciale e posti a fondamento della domanda di risarcimento del danno;

d)      accertare, in particolare, se:

1.       il materiale versato fosse conforme, per colore, granulometria e composizione mineralogica, ai parametri contrattuali;

2.       in quale misura e, se non più attualmente, per quanto tempo sia stata pregiudicata la trasparenza dell’acqua per effetto di fenomeni di intorbidimento dovuti alla mancata o inesatta ottemperanza agli obblighi contrattuali;

3.       se e in quale misura vi sia stata ed eventualmente persista la presenza di materiale lapideo di dimensioni rilevanti, sia sulla spiaggia, sia sul fondale marino, dipendente dal suo materiale sversamento nell’esecuzione delle opere;

4.       se e in quale misura la spiaggia sia attualmente composta con sabbia differente da quella originaria e, comunque, differente da quella che avrebbe dovuto essere utilizzata, con alterazione delle sue caratteristiche fondamentali;

e)       indicare se l’opera, così come realizzata, sia tale da far ritenere raggiunti gli obiettivi contrattualmente fissati e, più in generale, sia da ritenersi collaudabile;

f)       delineare i caratteri del pregiudizio ambientale in ipotesi causalmente riconducibile alla condotta inadempiente e, comunque, negligente della appaltatrice, in particolare con riferimento alla composizione della sabbia, alle caratteristiche della spiaggia e alla funzionalità della stessa in funzione della balneazione;

g)      indicare se e in quale misura sia possibile procedere a interventi di ripristino e recupero delle condizioni in ipotesi pregiudicate, determinandoli in caso positivo analiticamente e stimandone il relativo costo;

h)      valutare se e in quale misura possa stimarsi l’avvenuta compromissione del bene ambientale e, sotto il profilo economico, il pregiudizio per la fruizione del bene, anche per la collettività, quale conseguenza della condotta inadempiente della appaltatrice;

a cui si aggiunsero i quesiti posti dalle parti riguardanti le riserve iscritte nel registro di contabilità, qui omessi.

IMG_0594IMG_0600Immagine 02258

Le attività peritali durarono due anni e comportarono :

A.      acquisizione in formato digitale della documentazione di base presente agli atti attraverso la sua duplicazione mediante scansione;

B.      acquisizione di ulteriore documentazione tecnica riguardante il Poetto esistente in archivi pubblici, ritenuta di particolare interesse ai fini della esaustività delle risposte ai quesiti e non presente negli già spessi fascicoli del procedimento civile;

C.      analisi  dei documenti acquisiti

D.      esecuzione di sopralluoghi mirati, sia in superficie sia subacquei atti alla descrizione dello stato attuale dei luoghi interessati dal ripascimento;

E.       programmazione e attivazione di una campagna di indagini conoscitive volte ad approfondire  e implementare le conoscenze relative alla qualità delle sabbie costituenti la spiaggia emersa e sommersa del Poetto e alla loro rispondenza ai parametri contrattuali;

F.       predisposizione di un numero di campioni di sabbie statisticamente congruo, da inviare a un laboratorio specializzato e individuazione delle analisi ritenute più idonee a dare attendibile e oggettiva risposta ai quesiti formulati dal giudice;

G.     programmazione ed esecuzione rilievi topografici mediante strumentazione GPS professionale atti alla definizione dell’attuale estensione  della spiaggia emersa (rilievo della linea di battigia da Marina Piccola al Margine Rosso e del profilo della spiaggia lungo predeterminati transetti di misura);

H.      condivisione in contradditorio con i CC.TT.PP., sia in sede di riunioni congiunte negli studi dei CC.TT.UU., sia sul campo, di tutte le azioni svolte, dei documenti acquisiti o elaborati e  delle procedure da adottare, con conseguente verbalizzazione di ciascun evento, in maniera che di esso restasse traccia e fosse ricostruibile a posteriori.

IMG01287-20120303-1616IMG01287-20120303-1611IMG01110-20120112-1616

Al termine la relazione è stata presentata corredata da circa 20 giga byte di allegati digitali in cui erano ricompresi i seguenti documenti

1.       Documentazioni presenti nei fascicoli di causa.

Produzioni della ….

A.        Volume atti di gara.

B.        Volume atti contrattuali.

C.        Volume Mandati di spesa.

D.        Volume comunicazioni del Ministero.

E.         Volume provvedimenti vari.

F.         Volume delibere

G.       Volume ordini di servizio.

H.       Volume dati e rilievi tecnici prima dei lavori.

I.          Volume riunioni organi collegiali.

L.         Volume dati tecnici durante e dopo i lavori.

M.      Volume Atti di collaudo.

N.       Volume corrispondenza.

O.       Volume corrispondenza ATI ……

P.        Volume atti penale.

Q.       Volume cronistorie.

R.        Volume atti vari.

S.         Volume Corte dei Conti.

T.         Volume penale.

Produzioni dell’ATI …

Centonove produzioni in buona misura presenti le fascicolo della ….

Produzioni ….

Documentazione generale in parte presente negli altri fascicoli

Produzioni ….

Documentazione generale in parte presente negli altri fascicoli

2 –  Documentazioni ricavate da archivi pubblici e da ritenersi di pubblico dominio (Università, Regione, Comune, Ente Parco Molentargius).

a.       Cartografie e rilevamenti aerofotogrammetrici esistenti negli archivi dell’ufficio cartografico dell’Assessorato Enti Locali della Regione Sardegna.

b.      Documentazioni collegate alla redazione del Piano di Utilizzo del Litorale.

c.       Documentazioni prodotte dal Consorzio Ramsar e dalla società  MSS srl e conservate presso gli archivi del Consorzio Parco del Molentargius.

3  –   Documentazioni da archivi vari e pubblici (internet).

d.      Tesi di dottorato di ricerca del dott. Ing.  …………….

e.      Tesi di dottorato di ricerca  del dott. ………..

4 –  Produzioni e rilievi effettuati dai CC.TT.UU. nel corso delle attività

A.      Acquisizioni presso gli uffici della provincia inerenti il progetto allegato al contratto (cfr ALLEGATO 2)

B.      Successive acquisizioni presso gli uffici della provincia inerenti il progetto inviato al Comitato Tecnico Regionale e definitivamente approvato con delibera della G.P. 683 del 13 settembre 1999 (cfr ALLEGATO 3)

C.      Acquisizione della determina dirigenziale Provincia n. 168/2002 del 30.05.2002, di approvazione del nuovo quadro economico senza aumento di spesa (cfr ALLEGATO 4 e verbale oo.pp. del 4 settembre 2012)

ALLEGATI

Allegato 1 – Verbali delle operazioni peritali e reports comunicazioni

a.       Verbali oo.pp.

b.      Reports comunicazioni

Allegato 2 – Documenti acquisiti dalla  Provincia di Cagliari in data 05.07. 2012 – Progetto allegato al contratto

Allegato 3 – Documenti acquisiti dalla  Provincia di Cagliari in data 04. 09.12 – Progetto approvato

Allegato 4 – Documenti acquisiti dalla  Provincia di Cagliari in data 04.09.12 2012 – Determina n 168 del 30.05.02.e relativi allegati

Allegato 5 – Schede stratigrafie dei pozzetti geognostici

Allegato 6 – Sintesi dei dati analitici pregressi più significativi – 2002-2012 . Diagrammi e tabelle

Allegato 7 – Schema riepilogativo delle attività di campionamento delle sabbie – 2012

Allegato 8 – Indagini di laboratorio sui sedimenti sabbiosi provenienti dalla spiaggia del Poetto (Cagliari) – Rapporto Tecnico Scientifico. Responsabile: dott. Marco Lezzerini, Dipartimento Scienze della Terra Università degli Studi di Pisa (PI)

Allegato 9  – Foto e rilievi attività peritali

a.        Foto campionamento,  aprile 2012,  linea di riva Marina Piccola-Margine Rosso

b.        Foto campionamento,  Luglio 2012

c.        Preparazione campioni 19-23.07.2012 da inviare ad analisi

d.        Fotografie microscopio ottico 2012

e.        Tavole microscopio ottico 2012

f.         Rilievo linea di riva 2012

g.        Rilievo transetti spiaggia 6 aprile 2012

h.        Sopralluogo posto mareggiata 06.03.2013

i.         Altre immagini

Allegato 10 – Dati topografici della spiaggia

Allegato 11 – Relazione trasmessa dal CTP Ing. Paolo Fois

Allegato 12 – G.I.S.

a.       Carta batimetrica Golfo di Cagliari

b.      Foto aeree R.A.S.

c.       storico: linee di riva 1942-2013

d.      Ubicazione transetti e pozzetti 2012

e.      Campionamenti pre e post rinascimento

f.        Campionamento giacimento a mare

g.       Planimetria Poetto 2002 e 2006

h.      Progetto Poetto GIS

Allegato 13 – video

a.        2012

b.        post mareggiata 06.03.2013

Allegato 14 – Osservazioni dei CCTTPP

Potrebbero interessarti anche...